Ogni anno porta con se delle novità, e anche il mondo del dolce viene travolto dalle mode e dai trend! Dopo i cupcakes e i macarons, il dolce del 2012 saranno i Whoopies.

Che cosa sono i Whoopies?  Morbidi biscotti farciti con creme, simili nella forma ai macarons e nella sostanza richiamano i cupcakes.

La ricetta dei Whoopies risale agli Amish, queste piccole delizie sono conosciutissime in tutti gli Stati Uniti e amati in Inghilterra. Portati alla ribalta dalla regina dei cupcakes Sophie Grey, i Whoopies sono i protagonisti indiscussi del 2012.

In Italia, per il momento, ancora non è arrivato il dolce tormentone, ma siamo sicuri che presto questa onda travolgerà le pasticcerie italiane, magari con qualche variante tutta nostra!

Intanto vi diamo la ricetta originale degli Amish:

Ingredienti per 6 whoopies

35 g di cacao amaro

300 g di farina 00

1 cucchiaio di lievito

1 pizzico di sale

100g di burro ammorbidito

175 g di zucchero di canna

1 uovo

estratto di vaniglia

125 ml di latte intero

Per la crema: 200 g di cioccolato amaro sbriciolato; 100 ml di panna; 50 g di burro

Procedimento:

Per la crema, sciogliete a bagnomaria tutti gli ingredienti, mescolateli e metteteli da parte finché si sono raffreddati. Preriscaldate il forno a 170° C.  Mescolate tutti gli ingredienti solidi per l’impasto, In un’altra ciotola amalgamate tutti gli ingredienti liquidi. Aggiungete lentamente la miscela solida a quella liquida, mescolando continuamente. durante la cottura. Fate 12 dischi.

Stendete due fogli di carta da forno su delle placche e versate una cucchiaiata di impasto, appiattitela con il dorso di un cucchiaio fino a formare dei dischi spessi. Ripetete lasciando spazio perché si allargheranno ulteriormente. Infornate per circa 15 minuti, devono essere cotti ma ancora morbidi. Toglieteli dal forno e lasciateli raffreddare su una griglia. Mescolate molto bene la crema per la farcitura e spalmate una cucchiaiata  su 6 biscotti, dal lato piatto e attaccate un lato all’altro..e i Whoopies sono pronti!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *